giovedì 3 dicembre 2009

MOOD - DOOM (Blunt/TVT, 1997)

[Prima di scrivere la recensione quotidiana, vorrei segnalarvi un'esperienza traumatica avuta ieri sera. Anzi, due: la prima è che la mia ragazza mi aveva annunciato che avrebbe guardato la finale di X Factor -porcodelsuodio- e questo già è pesante di suo; mentre la seconda è che, mentre me ne stavo bello bello al computer a preparare un po' di tracce per l'Encores di quest'anno, mi salta fuori Fiddy. Già, 50 Cent non solo si è esibito a X Factor ma si è pure sorbito tutto il programma che, mi pare, è finito intorno a mezzanotte e mezza. Tremo solo al pensiero del cachet che si sarà giustamente fatto dare. Comunque sia, vi giuro che non sono riuscito a guardare per più di un minuto: ero imbarazzato per la performance di Curtis, va da sè e vorrei pure vedere, ma soprattutto provavo un orrore senza nome per le classiche minchionate da italiani, tipo la Maionchi che faceva le cornine e Morgan che faceva Morgan. Insomma, brutte cose]

Se c'è una cosa nella vita di cui vado fiero e che è parte intrinseca del mio essere, questa è la possibilità di dire a ragion veduta "Adesso arrivi a 'sta conclusione? È una vita che lo dico/sostengo/conosco, razza di pirla che non sei altro". Lo so che è un atteggiamento infantile da primo della classe, ma cosa devo farci? Talvolta la tentazione di calare l'asso è troppo forte, specialmente quando si giunge ad una determinata conclusione anni prima della maggioranza. Nella fattispecie, la conclusione è che il disco d'esordio dei Mood, nonché l'unico della loro carriera, è una autentica chicca: lo dico dal '97, da quando -dopo aver letto la rubrica «Regional Steelo» su un numero della Source di quegli anni- comprai quest'opera a scatola chiusa senza grosse preoccupazioni. In fondo era il '97 e la media qualitativa delle opere era ben più alta che non adesso, per cui potevo anche permettermi di spendere quelle trentottomila lire per un disco andando a culo. Ebbene, pur tenendo conto degli standard elevati dell'epoca, canzone dopo canzone il loro Doom mi fece un'eccellente impressione e contribuì a farmi conoscere Talib Kweli prima, e Hi-Tek dopo: difatti, se oggi si parla ancora di quest'album, è anche perchè esso segnò l'esordio di due dei nomi più noti all'interno della cerchia dell'hip hop. Talibbo infatti appare in qualità di ospite su ben cinque canzoni, rivelandosi dunque ben più di un semplice ospite, mentre Hi-Tek produce in tutto nove beat, cioè la metà esatta dell'opera.
Ma non bisogna sottovalutare i membri ufficiali dei Mood: primo fra tutti il beatmaker Jahson, che dimostra avere delle qualità decisamente buone, e gli MC Donte -ora scomparso dalla scena, se non sbaglio- e Main Flow, quest'ultimo già molto più conosciuto per aver prodotto negli anni successivi diversi solisti di mediocre fattura ma all'epoca reputabile come oggettivamente competente. Il trio difatti ha il merito indiscutibile di aver creato un album coeso, particolare nel suono e con diversi sprazzi di originalità nei temi pur provenendo da un buco di culo di città come Cincinnati, da dove l'imposizione su un mercato allora dominato fondamentalmente da due sole città sarebbe potuto avvenire più facilmente scopiazzando a tutto spiano. E invece pezzi come Esoteric Manuscripts, Karma, Info For The Streets, Nuclear Hip Hop o Peace Infinity sono frutto di una visione artistica molto chiara e nella pratica piuttosto originale, a cui poi vengono chiamati a contribuire ospiti validi che però offrono la cosiddetta ciliegina sulla torta e non l'apporto fondamentale. Se infatti Doom suona dichiaratamente come un frutto della costa atlantica, credo che sia innegabile -per chiu ha l'orecchio allenato- non notare comunque una diversità nei suoni rispetto a quel che tirava nell'underground nuiorchese dell'epoca.
Innanzitutto perchè il fil rouge di Doom, cioè una visione distopica e paraapocalittica della società, sempre vista sotto la lente della prospettiva afroamericana, non è fondata su letture (distorte) o aneddotica varia fondata su Behold A Pale Horse, ma verte casomai più sul terreno religioso o mistico. Certo, non si risparmiano frecciate al governo e a pratiche più che discutibili degli organi esecutivi e legislativi, ma il taglio che conferiscono i nostri eroi a ciò si avvicina di più allo stile del Wu che non a quello dei Public Enemy o degli X-Clan: non a caso l'esempio principe di ciò, Illuminated Sunlight, vede come ospiti proprio i Sunz Of Men -che difatti risultano combaciare perfettamente con la visione dei Mood: "My niggaz lie in jail but can't wait to try and kneel/ Elevatin' the higher stimulation of dying brain cells/ I'm dead? I can't tell, yo my think-tank is swelled/ The indivisible invisible bank sales, through outputs/ I smuggle my views without hooks/ Educated myself work for delf without books or school, it takes an idiot to educate a fool". Insomma, più che esporre punto per punto le loro critiche, essi giocano sul terreno apparentemente più facile della creazione di atmosfere e, devo dire, il più delle volte ci riescono; ci riescono così bene che, se non fosse per gli occasionali excursus che fanno nel mondo dell'hip hop inteso nel senso più stretto, il tutto risuòlterebbe davvero pesante. Ma vivaddio ci sono cose come Info For The Streets, Industry Lies o Nuclear Hip Hop in cui la focalizzazione contenutistica viene spostata, anzi, traslata su un terreno fatto più di rime e critiche allo stato del rap (credevate mica che dodici anni fa fossero tutti contenti, no?) che alla cupezza del mondo in cui viviamo.
Ora, mi rendo conto che la descrizione verbale dei contenuti possa risultare vaga e/o approssimativa; del resto, però, questo testimonia una loro originalità compositiva e conferma quanto scritto in merito alla loro propensione a procedere per immagini più che per vere e proprie tesi. E se questo approccio alla fine funziona, ciò è ovviamente dovuto ai beat, che perlopiù calzano a pennello alle liriche ed anzi le mettono addirittura in risalto. Ciò avviene sia che si campioni i sempre sinistri suoni del xilofono vibrafono di Gary Burton in Esoteric Manuscripts (Olhos De Gato si è peraltro sentita anche in Black Gangstas di Capone 'N' Noreaga), sia che si prenda Don't Let Me Be Misunderstood di Nina Simone e le si appoggino delle batterie belle secche e pesanti come avviene in Karma; e dove in Sacred Jahson da una sua reinterpretazione dell'"effetto goccia" reso celebre da Come Clean pur adoperando un altro sample, Hi-Tek si prende la libertà di aprirsi al Premier più allegro grazie ad un eccellente loop di piano in Info For The Streets (oltre a rappare una strofa davvero notevole). Ma c'è di più: che dire delle atmosfere arabe date dai flauti di Secrets Of the Sand, che si pongono in netto contrasto a quelle più gotiche di Vision pur senza farvi a pugni? Insomma, per farla breve, pur restando fermo un mixaggio non esattamente eccelso ed una certa datazione del sound, devo ammettere che ancor'oggi le produzioni di Doom non solo danno la paga a buona parte dell'undergound dell'epoca ma anche a tanti nomi all'epoca ben più blasonati.
Peccato allora solo per due cose: la prima che l'opera è piuttosto lunga e non sempre di qualità eccelsa; difetto perdonabile, ma una sforbiciata alla tracklist di tre o quattro unità secondo me avrebbe aiutato. La seconda invece concerne puramente la bravura degli MC, i quali sono sicuramente più che degni di stare su questi beat ma purtroppo non sono di una bravura tale da poter portare quest'album nell'Olimpo delle opere del 1997. Poco male: anche così com'è, Doom resta un disco davvero godibile, bello e, nei limiti impostigli dall'età, originale: siccome ancora lo si trova, vi suggerisco di sganciare queste due lire e farvi un regalo per natale.
A proposito: mi son preso qualche giorno di ferie, perciò fino a mercoledì non ci vedremo più; buoni concerti/festeggiamenti ecc., quindi, und an alle meine ung. 50 Deutschen Leser: fröhlichen Nikolaustag.





Mood - Doom

VIDEO: KARMA

18 commenti:

Anonimo ha detto...

Prima di tutto grazie per le dritte su amazon,secondariamente grazie per aver recensito questo disco che volevo ascoltare e che non possiedo...mi hai evitato una sessione di crate diggin digitale...comunque riguardo ai Mood vi posso solo raccontare di quando,una periodo,Main Flow e Donte si invidiavano vicendevolmente e pensavano reciprocamente che la vita dell'uno fosse meglio e più facile di quella dell'altro,poi una sera dopo un litigio gridarono ad alta voce e contemporaneamente"come vorrei essere te",il caso volle che quella stessa sera passasse una cometa magica che fece effettivamente avverare il desiderio.Il mattino dopo i due resisi conto dell'essersi scambiati i corpi,dopo aver superato lo stupore iniziale,tutti contenti cominciarono a vivere la vita dell'altro,ma presto si resero conto che solo all'apparenza la vita dell'altro era più facile e che in realtà presentava anch'essa difficoltà e pesantezze varie...così una sera dopo essersi riappacificati espressero tutti e due contemporaneamente e intimamente il desiderio di tornare nei propri corpi...e con grande sorpresa e gioia dei due e quello che effettivamente successe il giorno dopo...

Ps:Maledetto reiser,proprio tu che criticavi(giustamente) il riciclone di 9mm goes bang,ti sei macchiato del peccato di riciclo degno di un krs versione blogger,ieri sera leggevo la recensia di internal affairs e dando un occhiata ai commenti ho notato che avevi con una "genialata"ribattezzato i Royal Fam "Troyal Fam"...dopo questo riciclone nei miei confronti dovrei sommergerti di hatemail...

Roayaelez EikeyeI Ceca from efsichey

Anonimo ha detto...

^^^*e quello che successe...

...fu quello...

Magic Johnson ha detto...

ahhh il mitico segno delle corna.
ma dove l'hanno visto? chi lo faceva in USA? qualcuno nell'85? forse prima?

notare che la Maionchi sarebbe una discografica e l'hip hop sarebbe (disco piu disco meno) il genere che ha venduto di piu negli ultimi 15 anni.
Dunque abbiamo che una importante (?) discografica conosce il genere che vende (e influenza) di piu' degli ultimi 15 anni come lo conosce un anziano se lo fermi per strada e gli chiedi di imitare jovanotti.

reiser ha detto...

Beh ma è una discografica italiana. che in quanto tale a momenti ti considera Claudio Villa come lo zenith della trasgressione

Comunque sia, dopo aver visto e/o sentito le tre magnifiche proposte di finalisti, il prossimo che mi dice "A X Factor c'è gente BRAVA, altro che Amici" si becca un bitchslap in più rispetto ai dieci che gli avrei dato per pure questioni di principio

Imperdibile la posse cut delle tre puttane wiccan cuneensi (oh da lì, nei scorsi 50 anni, solo il peggio) con quello smandruppato di Macs Pezzali, giuro che stavo ripassando al computer Torae e mi son fermato per sentire meglio.

Magic Johnson ha detto...

si si ma la mia voleva essere proprio una critica ai discografici italiani... poi ti stupisci che investono su nesli...

reiser ha detto...

Oggesù Nesli! NESLI DIOCANE!!! Ma hai visto il video/sentito la canzone?
INCIRCOLABILE

Ice Mc e i 2Unlimited rivivono in lui

reiser ha detto...

Fantastico, c'è anche il diario stile Jack Frusciante È Uscito Dal Gruppo... dopo "voglio perdermi nel mondo" ho deciso che fino alle 18:30 me li guardo tutti:
http://iosononesli.it/2009/11/12/emozioni/

Magic Johnson ha detto...

devo proprio leggerli? non posso ridere sulla fiducia e risparmiare vita?

Anonimo ha detto...

Richiesta recensione:Double A.B. aka il Cam'Ron dell'underground...

RARASHIXXX

MF Ema ha detto...

Questo mi mancava, sento ;)

Anonimo ha detto...

recensisci star child di o.c....mica non l'avrai?

reiser ha detto...

Starchild ce l'ho ma mi fa due palle così... preferirei invece recensire The Diesel di Double AB, che mi è abbastanza piaciuto, ma finché non lo trovo sotto ai 15€ non se ne parla

MF Ema ha detto...

Recensisci uno di questi:
Jaylib
Madvillain
The Unseen

Troppo poco madlib su sto blog, non va bene per nulla.

Anonimo ha detto...

^^^
bah,recensisci roba che pesta...no roba postprogessista come the unseen che mi fa calare il latte dalla minchia...che so recensiscimi i got next di krs ad esempio che sarei curioso di sapere che ne pensi

BAUAU

MF Ema ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=HsI6V4I_keE

Questa non ti pesta??

Cmq la mia era una richiesta motivata dal fatto che non ho visto molte recensioni su album di madlib, da quando frequento il blog, sarà poi reiser a decidere, mica glielo voglio imporre...

Poi ho letto migliaia di recensioni sue su dischi storici che tutti apprezziamo, ma appunto nessuna su madlib e affini (soloqualcosina)...

Ripropongo la mia domanda che non deve suonare come un imposizione :D

Anonimo ha detto...

http://www.amazon.com/Raising-Bar-67-MOB/dp/B002M3VYSA/ref=cm_lmf_tit_1_russss1

Hai sentito? se si come ti è parso?

RoyalCeca

Anonimo ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=U42_0Upc-C0&feature=related

reiser ha detto...

@Royale: sincero? Non mi dice molto, mi paiono ipergenerici in tutto. Però l'album ha qualche ospite interessante, una chance gliela darò

@Ema: Madlib intendi Quasimoto? Mi fa troppo cagare la sua vocina, non riuscirei a scriverne una recensione distaccata. Madvillain preferisco invece farlo recensire -sempre che gli vada- a quel mio amico autore dei Co Flow, che mi sembra più adatto.
Ad ogni modo di roba della Stones Throw ce n'è un po', anche se è vero che è da tempo che non ne scrivo più nulla... vedrò, se mi vien voglia ben volentieri, ma di questi tempi sono un po' sul terrone andante e quindi oscillo tra Twin Gambino e le gare di rutti su Youtube