sabato 15 marzo 2008

SMOOTHE DA HUSTLER - ONCE UPON A TIME IN AMERICA (Profile, 1996)

Benvenuti al MC che nessuno ammette di preferire agli altri. Benvenuti al disco che nessun fan del rap venderebbe per nessun prezzo. Benvenuti alla canzone il cui concetto è stato copiato, citato, venerato per dodici anni. Benvenuti a Smoothe Da Hustler, e benvenuti a Once Upon A Time In America.
Tralascio qualsiasi nota biografica e vado al sodo: Smoothe è uno degli MC più potenti che abbia mai sentito. Ogni sua strofa racchiude carisma, una metrica complessa, punchline d'effetto e, soprattutto, una ruvidità del tutto naturale e mai replicata. Mettetelo assieme a suo fratello Trigger Tha Gambler e avrete la più potente combinazione di MC mai sentita dal '79 ad oggi. Aggiungeteci inoltre una selezione di beat curati da un D/R Period in stato di grazia, e capirete che è impossibile parlare di questo album come se fosse qualcosa di normale. Il voto che gli darò, e cioè il massimo, trascende alcuni oggettivi difetti perchè i punti a favore sono tali da farti gridare "MA CHISSELINCULA LA MONOTEMATICITÀ!". Prendete Glocks On Cock, Fuck Whatcha Heard, Broken Language, Murdafest o My Brother My Ace e sappiate che ciascuna di queste, anche se inserita in un disco di folk emiliano, ne giustificherebbe l'acquisto.
Certo, non tutti i pezzi sono allo stesso livello (più che altro come beat), e quando ci capiti la cosa si fa notare, anche in considerazione della letterale perfezione delle tracce menzionate poco sopra. Tuttavia, questo ha cessato di essere un problema nel momento in cui passai dal walkman all'Ipod, il che che mi ha consentito di cassare i tre skit, i quattro pezzi che mi dicono meno e quindi di poter mantenere (dal dicembre 2006) questo album in rotazione perpetua nelle mie cuffie. Una curiosità che voglio aggiungere, anche in considerazione di commenti precedentemente apparsi in altri post: gli unici che abbiano saputo raggiungere lo stesso livello dell'originale Broken Language (con una cover peraltro esplicita, visti il titolo ed il produttore, cioè lo stesso D/R Period) sono stati Curse e Samy Deluxe con l'incredibile Broken Language Reloaded (l'mp3 lo potete scaricare da QUI).





Smoothe Da Hustler - Once Upon A Time In America

VIDEO: BROKEN LANGUAGE

6 commenti:

MAK ha detto...

Questo è un albumone che m'ha segnato tantissimo, così come (anche se ovviamente meno) Life's a 50/50 Gamble, che non ho originale e purtroppo credo mai avrò.
Il bello di sti due pestoni è che sopratutto nei featuring sui pezzi altrui, hanno dato lezioni di MCcing con dei flow storici.

Piccolo OT: Tu che sei un sicuro appassionato di QB, non è che in futuro passi sul blog l'introvabile album di E-Money Bags? Avrò si e no 4 pezzi in croce...

Grazie a prescindere e complimenti per i bei ricordi che posti ogni volta.

reiser ha detto...

Grazie per i complimenti, di 50/50 Gamble credo che gli unici possessori di un qualcosa di vagamente originale siano Russell Simmons e Lyor Cohen.
I quali, tra l'altro, potrebbero anche rilasciare una versione pulita e mixata come dio comanda...
Sì, loro erano (sono?) impressionanti, quando li senti nella collabo sul secondo di Shyheim quasi ti vien da piangere per gli altri
Quanto a E-Money Bags non ho nulla, spiacente, il QB mi piace ma a rappare la dentro son veramente troppi

gianluca ha detto...

bellissimo sto disco

Anonimo ha detto...

Fai bene a postare dischi come questo!

BRA
www.rapmaniacz.com

rafaelz2580 ha detto...

per e-money bags andate su qbmerlin.blogspot.com

Anonimo ha detto...

I have read so many posts about the blogger lovers except this piece of writing is really a good paragraph, keep it
up.

Feel free to surf to my website natox review