giovedì 22 gennaio 2009

JEDI MIND TRICKS - SERVANTS IN HEAVEN, KINGS IN HELL (Babygrande, 2006)

Quando penso ai Jedi Mind Tricks oramai mi vengono in mente solo due termini: "bravi" e "macchiette", due termini concettualmente così distanti tra loro che penso possano dare un'idea della costante dicotomia che li accompagna fedelmente dai tempi del loro ultimo disco apprezzato dal grande pubblico, il superbo Violent By Design, risalente a quasi nove anni fa. In questo lasso di tempo i nostri eroi hanno avuto il modo sia di creare album discutibili (e mi riferisco più a Legacy Of Blood che a Visions Of Gandhi, per non parlare del recente e squallidotto History Of Violence), sia di crearsi una nicchia di fan fedelissimi per i quali tutto ciò che il duo di Vinnie e Stoupe tocca è oro colato. Le due scuole di pensiero mi vedono indistintamente scettico: diciamo che da un lato ho oramai abbandonato la speranza che riescano a riproporre qualcosa di paragonabile a VBD, eppure dall'altro non li reputo incapaci di saper proporre sorprese com'è stata questo Servants In Heaven, Kings In Hell. Si tratta solo di saper trovare il giusto equilibrio tra il lato più infantilmente grezzo di Vinnie e quello più maturo, così come a fargli da sponda dev'esserci uno Stoupe capace di muoversi agilmente tra sonorità latineggianti ed atmosfere epiche senza pendere troppo da nessuno dei lati. E, per l'appunto, mentre questo equilibrio era venuto a mancare nei due album che lo hanno preceduto così come in quello che lo ha succeduto, in SIHKIH tutti i palati potranno gustare qualcosa del menu offertoci dai Jedi Mind.
La prima cosa apprezzabile del pacchetto è l'evidente voglia di Vinnie di spingersi oltre la solita noiosetta tamarrìa mediante alcuni pezzi contenutisticamente più focalizzati e meglio strutturati. In Razorblade Salvation, ad esempio, troviamo abbondanti indicazioni della sua personalità in quanto si tratta di una lettera aperta a sua madre nella quale va a toccare in modo piuttosto profondo l'ipotesi del suicidio (precedentemente accennata in Before The Great Collapse) ed i motivi per i quali, a ben pensarci, non ne vale poi tanto la pena. Analogamente, in Black Winter Day il Nostro ci regala un autoritratto parecchio critico nel quale fa piacere notare un'umiltà di fondo nonchè un certo altruismo del quale finora nemmeno i fan più accaniti avevano visto traccia. Ma non tutto è emo, qui: la critica socioeconomica trova uno sbocco nella buona Shadow Business, in cui va ad esaminare la realtà delle condizioni sociali dei lavoratori del secondo e del terzo mondo; mentre l'eccelsa Uncommon Valor offre all'ascoltatore uno storytelling ambientato nel Vietnam in cui un soldato si chiede -fondamentalmente- i motivi per cui si trovi lì lamentandosi della situazione in generale e della disonestà del governo (qualsiasi riferimento alla situazione odierna è puramente casuale).
Per il resto, detto onestamente, Vincenzino ripercorre fedelmente il cammino tracciato fino a quel momento: viulenza, ghettusaggine assortita, riferimenti biblici sparsi e l'occasionale frecciata anticristiana. Tutto ciò sa inevitabilmente di già sentito, ma se preso a piccole dosi funziona ancora bene soprattutto perchè dopo alcune débacle precedenti il Nostro ha ben pensato di riaffinare la sua tecnica e la sua metrica, le quali ora non saranno al livello di un Pharoahe Monch ma almeno qualche intreccio in più lo contengono. Certo, basta conoscere bene le opere dei JMT per indovinare come verrà chiusa la barra ed in che momento farà una pausa, ma questo è un difetto non esclusivamente ascrivibile a Vinnie e pertanto me la sento di relegarlo in secondo piano. Per di più, la definitiva salvezza sul fronte lirico viene anche dagli ospiti: non molti ma ben scelti, e dunque anche quando Ill Bill delude per assoluta mancanza di personalità in Heavy Metal Kings, ci sono comunque altri a fargli degnamente da contrappesi. Primo fra tutti R.A. The Rugged Man, che in Uncommon Valor regala alla storia la miglior strofa in assoluto del 2006 raccontando dell'esperienza del padre come mitragliere di bordo di un elicottero; Chief Kamachi ritorna ospite dei JMT dopo l'esordio su Violent By Design e lo fa nel migliore dei modi possibile, seguito a ruota da Reef The Lost Cauze e dal sempre valido Sean Price.
La fortuna dei singoli pezzi, poi, oltre alla variabile "featuring" e la questione dei contenuti interessanti, dipende in larga misura da Stoupe, il quale come sappiamo è capace di creare capolavori così come di produrre merdine concepite col pilota automatico innestato. Per fortuna, in SIHKIH il Nostro si è dato molto da fare e così ecco che già alla prima canzone vera possiamo apprezzare il lungo loop di sitar (o mandolino, sarcazzo) intervallato da singole note di piano reminescenti di Contra, il tutto incoronato da precisi cut di Big Pun, Jay-Z e Prodigy. Uncommon Valor invece si regge pressochè unicamente su batterie relativamente lievi ed un azzeccatissimo campione di coro femminile, di raro gusto e malinconico esattamente quanto quello italiano adoperato per Shadow Business (archi pitchati, suppongo); ma giusto quando qualcuno potrebbe pensare che stavolta Stoupe abbia del tutto abbandonato i campioni orchestrali, ecco che arrivano Heavy Metal Kings, Outlive The War e Gutta Music. La prima non stonerebbe se inserita in un colossal pacchiano con Charlton Heston e certamente non deluderà i fan del suono più roboante del duo di Philadelphia; la seconda invece si colloca a metà tra il barocco ed il folk messicano grazie al bizzarro incrocio tra canto da madrigale e suoni di nacchere, e stranamente funziona molto bene; la terza, infine, è una delle più belle collabo mai messe in atto dai Jedi Mind. Vinnie, Kamachi e Reef danno il loro meglio su un loop di archi spezzato da un sample vocale maschile che, una volta appoggiato sopra a batterie la cui strutturazione viene accantonata a favore della potenza, contribuiscea creare una delle tracce meglio riuscite dell'intero album -oltrechè uuna delle più correttamente intitolate. Valida anche Serenity In Murder, principalmente per l'ottimo break di batteria e l'eccellente linea di basso.
Purtroppo non tutto è rose e fiori, e anche stavolta Stoupe cade nel tranello della scialberia: con Suicide ricicla il solito beat propinatoci ormai innumerevoli volte da Visions Of Gandhi in poi; When All Light Dies è in sè e per sè ascoltabile ma non aggiunge nulla di particolarmente significativo alla discografia del gruppo, destino peraltro condiviso dall'insignificante beat di Black Winter Day e da quello altrettanto "meh" di Razorblade Salvation. Stupisce, in un certo senso, come un beatmaker abile come egli effettivamente è non si renda conto di quando non sta facendo altro che riscaldare male la minestra. Nullo contro l'avere uno stile, per carità, ma davvero alcune cose possono essere riproposte e riaggiornate mentre altre è meglio lasciarle stare lì dov'erano (e mi riferisco all'80% dei beat latineggianti di Visions Of Gandhi).
Bene, tiriamo le somme: cominciamo col dire che Servants In Heaven Kings In Hell non è di certo il miglior disco dei Jedi Mind Tricks. Non illudetevi, non ha né la varietà ne la qualità d'esecuzione del loro capolavoro: per cui mettetevi l'animo in pace. Però, questo sì, è senz'altro la loro seconda miglior opera; essa distacca di centinaia di spanne qualsiasi altro loro lavoro, a partire dal pessimo History Of Violence per passare al sopravalutato Legacy Of Blood per giungere infine al nemmeno troppo infimo Visions Of Gandhi (il Psycho Social Album lo tengo fuori da questa lista per questioni di età). In ultima analisi, a fronte di certi loro limiti -primo fra tutti un certo barocchismo nel suono, nelle tematiche e nei titoli- SIHKIH è comunque una conferma della loro coerenza artistica (anche se talvolta pare quasi autismo musicale) oltreché un contenitore di alcune perle da ascoltare come dio comanda. Il voto finale sarebbe da tre e mezzo ma, posto che vi piaccia il genere, quattro zainetti opportunamente arrotondati verso l'alto forse se li merita. Fate voi.




Jedi Mind Tricks - Servants In Heaven, Kings In Hell

VIDEO: HEAVY METAL KINGS

6 commenti:

Anonimo ha detto...

La strofa di Rugged Man fa P-A-U-R-A!

BRA
www.rapmaniacz.com

_SER_ ha detto...

straquoto!!!

Anonimo ha detto...

bah...sei troppo duro con te stesso.

ck

Anonimo ha detto...

quoto pure io...pelle d'oca

Anonimo ha detto...

del remixes di questo album cosa ne pensi?

Anonimo ha detto...

You need to take part in a contest for one of the most useful blogs online.
I most certainly will recommend this site!


Look into my blog post - http://canadamomeh.ca/linnienes