venerdì 18 settembre 2009

JERU THE DAMAJA - THE SUN RISES IN THE EAST (Payday/FFRR, 1994)

Dacché ho aperto il blog ho recensito album di ogni tipo ed il lettore affezionato potrà ormai essersi fatto un'idea di quelli che sono i miei gusti (posto che gliene importi qualcosa in primo luogo); egli saprà quindi che per me un certo tipo di grezzume ricopre un cospicuo valore nel mio indice di gradimento, ma per convesso saprà anche che non disdegno artisti più inclini alla positività ed alla coscienziosità. Il problema è però che questi ultimi sono facilmente soggetti alla pesantezza, salvo naturalmente che non si tratti di veri e propri campioni del genere come per esempio i De La Soul; e questo perchè i temi che trattano sono senz'altro condivisibili ma non particolarmente attraenti, e quando li si esprime in modo coerente, "pacifico", appunto, talvolta pare di trovarsi catapultati in una sorta di oratorio musicale.
Ecco perchè amo incondizionatamente artisti come Jeru: non è che predichino idee poi tanto diverse dalle loro controparti più hippie ma lo fanno con vigore e livore. Livore verso chi si comporta in maniera antisociale o comunque egoista, il quale verrà puntualmente accusato di essere ignorante, superficiale, pigro e quant'altro: in poche parole, una merda umana. Ora, certamente dubito che quest'atteggiamento da Savonarola possa scuotere le coscienze dei soggetti di tali attacchi, ma preferisco che si parli chiaro e perciò condivido questo tipo di aggressività, ché qua mica siamo all'ONU. Ad esempio: sei una donna che va a letto con qualcuno per ottenere vantaggi? Non sei una escort, sei una puttana. Oppure: quando vai al supermercato risparmi sul cibo per poterti comprare un vestito alla moda? Prima di essere una vittima del consumismo sei un coglione puro e semplice. E via così: trattandosi di musica e non di un trattato socio-psicologico, questo approccio sanguigno mi piace.
Ecco perchè The Sun Rises In The East riceve da parte mia almeno un ascolto completo al mese: perchè a distanza di 15 anni dalla sua pubblicazione il messaggio non ha perso forza e, anzi, forse ne ha addirittura guadagnata. Ma tutto ciò non basterebbe se non ci fosse il genio di Premier dietro alla produzione musicale, il quale si dimostra capace di fornire un'artiglieria acustica che calza a pennello allo stile stile di Jeru nonché all'atmosfera generale di cui TSRITE è permeato.
La sua ruvidità non consiste solamente nell'inflessibilità del pensiero dell'autore principale, bensì anche nel minimalismo dei beat che, congiuntamente ad altri contemporanei, sono di tale forza che riescono a far scordare le atmosfere soleggiate della costa californiana. Qui tutto sa di New York o più in generale di una metropoli in inverno, i cui unici rumori sono dati dai motori delle macchine e dallo sferragliare delle metropolitane mentre i vapori fuoriuscenti dai tombini azzerano la visibilità, col baluginio dei fari e dei lampioni che si riflettono sull'asfalto bagnato. Perdonate quest'attimo di lirismo da supermercato, ma la capacità suggestiva di certe musiche è innegabile e ciascuno la descrive come può.
Ma volendo abbandonare il pathos poetico prima che sia troppo tardi, veniamo al succo della faccenda: esclusa forse Statik non c'è una canzone brutta che sia una. Non scherzo: quale più, quale meno, sono tutte delle bombe, a partire dalla classica Come Clean. Uscita come singolo l'anno precedente, questa aveva lasciato giustamente a bocca aperta persino chi aveva ravvisato nella strofa di Jeru su I'm Da Man una promessa: tra l'inimitabile beat, in cui un bizzarro campione che può ricordare lo sgocciolìio d'acqua nelle tubature (!!!) s'appoggia a delle batterie impressionanti, e le liriche, iperrealistiche nel loro smascherare i parrucconi che già allora infestavano l'hip hop, non c'è una cosa fuori posto e a coronoare la grandiosità del pezzo sta un cut degli Onyx. E se penso che a me inizialmente non piaceva...
Beh, anche allora avevo le mie brave alternative: personalmente colloco alla pari della precedente la straordinaria My Mind Spray: figuratevi che ad oggi mantengo l'opinione che sia uno dei casi in cui l'utilizzo del campione di Nautilus sia riuscito meglio, e se pensiamo alla quantità di artisti che hanno campionato il pezzo di Bob James allora l'affermazione si fa rivelatrice. Non da meno, poi, sono la storica Da Bichez (che batterie, signori, l'uso dei charleston è da applausi), il duetto con l'allora passabile Afu-Ra intitolato Mental Stamina, e la solenne Ain't The Devil Happy - un richiamo dai toni apocalittici che Jeru fa alla propria gente per non cadere in gesti e comportamenti autolesivi, sia sul piano concreto che quello spirituale. Certo, andrebbe poi anche menzionato il tipo di campionamento jazz tipico del Premier di quegli anni, che sapeva conferire un taglio ruvido ai pezzi usando brevi sample di piano, sax e quant'altro: vedi la già citata da Bichez così come D.Original e, naturalmente, Come Clean.
Insomma, con questi beat il disco sarebbe stato una bomba persino con Melachi The Nutcracker come MC principale. Ma vivaddio non solo non ci troviamo tra i piedi una schiappa, ma addirittura ci viene fatto dono, per così dire, di un rapper coi controcoglioni. Come diceva uno dei suoi sponsor principali, "it's mostly the voice" e 'Ru qui lo dimostra ampiamente: bassa ma non cavernosa, sprizzante carisma, esige e ottiene l'attenzione dell'ascoltatore. Uniamola ad una tecnica impeccabile sotto ogni punto di vista e ad una prospettiva sempre originale sia nell'aspetto stilistico che in quello contenutistico (e qui l'ampio vocabolario aiuta in ambedue i casi), ed ecco che francamente non si può chiedere nulla di più a questo MC. La sua battaglia contro l'ignoranza in tutte le sue forme e dimensioni viene suddivis aper tredici tracce e ciascuna gode di un taglio così particolare che, pur rifacendosi ad un unico punto di vista, non risulta mai ripetitiva. Non sto a fare esempi con citazioni troppo lunghe, preferisco piuttosto citarvi qualche titolo che mi fa avere ragione con relativa semplicità: ascoltate -nella sequenza preferita- da Bichez, Come Clean, You Can't Stop The Prophet e Ain't the Devil Happy; scoprirete che non solo vien facile capire che sono state scritte dalla stessa persona, ma anche che fanno parte dello stesso album, dello stesso insieme.
Boh francamente non so che dirvi... classico lo è senz'altro, non so se dargli quattro e mezzo o cinque. Ma direi che, viste le proteste del volgo ai miei 4 e 1/2 agli Smif 'N' Wessun, meglio andare a colpo sicuro. [edit: m'ero dimenticato d'augurarvi il consueto buon fine settimana. A lunedì]





Jeru Tha Damaja - The Sun Rises In The East

VIDEO: D ORIGINAL

16 commenti:

Anonimo ha detto...

Credevo mettessi questo come video: http://www.youtube.com/watch?v=aYYSlCa3xfw. ;-)

BRA
www.rapmaniacz.com

Anonimo ha detto...

minchia che mind connection! stavo giusto pensando di ordinarlo su amazon.Fai quasi spaccare in questo periodo.

ck

Anonimo ha detto...

ma allora proprio non vuoi mai darmi soddisfazione...io a questo avrei messo 4 e mezzo...

RARASHIXXX

Anonimo ha detto...

FCK SQUAD.......ma quanto cazzo spaccaaaaaaaa sto cd????????

Anonimo ha detto...

cmq penso che se senti la produziione di 9th wonder su survival skills dovrai ammettere che ha fatto proprio un buon lavoro...
BAUAU

Anonimo ha detto...

dopo il 4 e mezzo a Wrath of the Math che ancora grida vendetta ti aspettavo al varco...

Rorschach ha detto...

Fatti un giro sul mio blog e dimmi che te ne pare...

MAK ha detto...

Che altro c'è da dire su questo discone?!
Dirty rotten scoundrels...

formicafuego ha detto...

fuck jeru: voglio "tue" su due fatti, quelli sì, davvero salienti: 1) arresto truce 2) onlybuilt4cubanlinx2 che devo ancora sentire ma di cui leggo meraviglie..è davvero così?

cnsk

ps birretta nei prossimi giorni?

reiser ha detto...

Madùùù che notizia che m'hai dato... non dico che sia difficile da credere, nel senso che in fondo non si chiamava Noyz Balia o Noyz Panettiere, però...
Quando la realtà supera la fantasia.

Mi chiedo solo se anche in Italia ci sarà il fenomeno delle magliette "Free XYZ"

E Cuban Linx II sì, è figo. Molto figo. Mi dovrebbe arrivare lunedì o martedì, la recensione l'ho già scritta

Anonimo ha detto...

hai ordinato Krs 6 buckshot??...se me lo cazzi poi ti cazzio io col crick.

ck

MAK ha detto...

Figo anche quello, anche se meno dello Chef...

reiser ha detto...

Ancora no, il prossimo ordine lo fo a metà ottobre con:

Krs & Buck
Masta Ace & EdO.G
M.O.P.
Spinna
Brother Ali (forse)

Anonimo ha detto...

ti vorrei chiedere com'è il cd+dvd di ghostface e trife che si chiama put it on the line...per caso ti è capitato di sentirlo?

RoyalCeca a.k.a. RealityCheck

reiser ha detto...

Ho sentito il CD e anche se c'erano delle belle intuizioni, soprattutto come liriche (un po' meno come basi), l'ho trovato mixato malissimo.
Ma "male" del tipo che non mi gira manco di ascoltarlo.
Invece -non so se l'avessi già letto altrove- un disco che mi sta piacendo molto pur non essendo un capolavoro è il solista "vero" di Trife. Dovrebbe arrivarmi tra domani e giovedì, di sicuro lo recensirò non appena ce l'ho in mano. S enon vuoi aspettare scaricatelo, secondo me merita

Anonimo ha detto...

Hi there! This is my first visit to your blog!
We are a collection of volunteers and starting a new initiative in a community in the
same niche. Your blog provided us beneficial information to work
on. You have done a extraordinary job!

Look into my web site ... cleaner wanted