giovedì 17 settembre 2009

MOS DEF - THE ECSTATIC (Downtown Music, 2009)

Il passo tra "ambizioso" e "megalomane" solitamente è molto breve e generalmente può avvenire quando manca almeno uno dei seguenti fattori: intelligenza e contatto con la realtà. Fare paragoni con la politica moderna e contemporanea è fin troppo facile, specialmente quando a palazzo Chigi siede una persona che difetta di ambedue, per cui mi limiterò al casus belli: Mos Def. Dante Smith, questo il suo nome, ha avuto un inizio di carriera abbastanza normale per l'epoca che però successivamente si è trasformato in un proseguo a detta di molti eccellente: il progetto Black Star ed il suo esordio solista Black On Both Sides sono considerati dalla magioranza degli ascoltatori di rap delle pietre miliari del genere (mi permetto di dissentire), degne di proiettare Mos nel firmamento dei Grandi dell'hip hop e soprattutto punti di riferimento per un'intera generazione di MC aventi come guida artistica la scuola dei Native Tongues.
Si può dissentire ma questa è la percezione generale; peccato però che tra i tanti dimostratisi incapaci di mettere il culo correttamente in carreggiata vi sia proprio Mos Def, ed il mio personale sospetto è che ciò sia avvenuto non a casua di scarsa intelligenza, bensì per pochi contatti con la realtà. Infatti, nell'arco di pochi anni è passato dall'essere un MC relativamente conosciuto al venire idolatrato come faro spirituale capace di guidarci nella notte; il suo talento d'artista è stato magnificato e a momenti ci scappava il paragone tra le sue inesistenti doti canore con quello di un Thom Yorke; non per ultimo, l'aver intrapreso una carriera cinematografica, mostrando lì sì discrete qualità recitative, deve aver contribuito a dare il colpo finale ai suoi collegamenti con la realtà. I risultati concreti di questa lievitazione eteroindotta dell'ego li conosciamo bene: due album, uno più brutto dell'altro, dove anziché seguire l'unica disciplina in cui davvero eccelle ha preferito virare in territori che sarebbe stato meglio gli venissero preclusi da una fatwa o da qualche divinità pagana, meglio se incazzosa. New Danger era una sonora cagata ma un briciolo di dignità traspirava quà e là, mentre True Magic era completamente incircolabile.
Simili svarioni sarebbero dovuti bastare per sbriciolare la carriera finora costruita, e invece eccoci qua con tra le mani il nuovo lavoro di Mos Def che, ne ero certo fin da quando era stato annunciato, che sarebbe stato una boiata. Beh, mi sbagliavo. Almeno in parte.
Cominciamo dalle buone notizie: Mos Def qui rappa di più, molto di più, rispetto ai precedenti lavori. È cosa buona: per quanto spesso inserisca ritornelli canticchiati, sono poche le canzoni in cui mantiene la convinzione di essere un grande cantante e perciò il tutto non suona più come una specie di Jovanotti di Brooklyn. Non solo: vivaddio i beat stavolta sono di qualità medio-alta con punte di ficaggine, e a curarli troviamo Madlib, Oh No, Dilla (figurarsi se no), il produttore francese Mr. Flash e, purtroppo, anche il tristemente noto Preservation.
Sta di fatto che talvolta mostra ampiamente di non essere il menoso hipster eclettico-wannabe che avevo ritenuto fosse, basandomi sui suoi ultimi dischi: Auditorium, con Slick Rick, da sola vale tutto l'album ed è in ultima analisi il motivo per cui ho deciso di comprare Ecstatic. Davvero. Come ho sentito quei flautini venir sostituiti da un'alternanza di organo elettrico e complesso d'archi, con sotto le tipiche combo di basso e rullante di Madlib, ero già praticamente venuto: talvolta mi chiedo come sia possibile uscirsene con pezzi così fighi, davvero non lo so. E sempre Madlib produce Wahid, che pure lei merita assai, così come Revelations e Pretty Dancer, il cui unico difetto è di avere sopra un Mos Def alle prese con la sua migliore interpretazione di MF Doom (in Revelations la cosa diventa sconvolgente, cambiategli voce e ufficialmente è Daniel Dumile).
Ma anche tale Mr. Flash non se la cava affatto male, e benché avrei molto da dire sul suo nom de plume, devo dire che i suoi tre beat dimostrano una buona versatilità nel saper conferire toni diversi di traccia in traccia: dall'elettonica ottantona di Life In Marvelous Times agli accenni di jazz/funk di Workers Comp fino al sapore d'India di Embassy, il beatmaker francese dimostra talento. E sempre validi si confermano essere Oh No e Dilla, che pur non regalandoci momenti spettacolari riescono a mantenere vivo l'interesse dell'ascoltatore. Insomma, per farla breve, come beat direi che piùo meno ci siamo: non tutto è rose e fiori (Quiet Dog Bite Hard, No Hay Hada Mas, Casa Bey lasciano molto a desiderare) e certamente bisogna accettare un'impostazione sommariamente poco ortodossa, ma diciamo che, a meno che non ci si aspetti robe da Finesse o Pete Rock, musicalmente Ecstatic è bello solido.
Purtroppo, ad un certo punto entrano in gioco l'ego e l'esageratamente alta autostima di Mos Def: così vediamolo mentre si lancia in spericolati ritornelli cantati capaci al massimo di rovinare la canzone se tirati troppo a lungo; peggio ancora, ci sono occasioni dove miagola lagnosamente tutto il tempo e, se nel casi Worker's Comp si può pensare ad una cacchina, in No Hay Nada Mas pare di ascoltare Jarabe De Palo in eroina. E con questo ho detto tutto.
Che poi, quando vuole, riesce anche a rappare e creare cose serie: peccato che lo faccia ancora troppo raramente, e che anche quando questo avviene, quasi sembra -l'ho già scritto- di trovarsi in un disco di Doom. E questo fatto, deprecabile in sè e per sè, lo diventa ancor più se si prendono le sue strofe di Auditorium e le si paragonano all'80% di ciò che resta. Come si suol dire, il ragazzo è intelligente ma non s'impegna.
Conclusione: come basi direi che Ecstatic è valido, specialmente nella prima parte; come liriche è invece già più debole, cosa che da Life In Marvelous Times in poi raggiunge talvolta vette di surrealismo e puro e semplice orrore. In altre parole, da un lato considererei questa sua opera come un passo avanti nella giusta direzione, ma dall'altro anche come una delusione: la sua convinzione di essere bravissimo a far altro che non sia rappare, unita ad una voglia di sperimentazione cieca che talvolta raggiunge picchi di velleitarietà imperdonabili, alla fin fine rovina l'ascolto nel suo complesso. Ciò nonostante l'album fila -non chiedetemi come- per cui diciamo che gli affibbio un tre e che non se ne parli più (sarebbe un quattro scarso se si fosse limitato alle prime 8 canzoni più un paio della seconda metà).





Mos Def - The Ecstatic

10 commenti:

Anonimo ha detto...

ti dirò, al primo ascolto (che poi era un album mezzo fake del web) mi è sembrata la cagata nr.3. Invece effetivamente può passare la dogana, anche se mos def continua ad aspirare alla mediocrità.
Pigro.

ck

Anonimo ha detto...

FCK SQUAD..sentii per la prima wolta def nel disco della rawkus in b boy document ...una bomba ..ma ti dirò gia Black both sides non mi awewa fatto gridare come un pazzo.. si un BUON disco tracce spesse.ma non ECCELSO come sentivo in giro..per il resto non posseggo nessun altro dei suoi dischi....Meno male...

Anonimo ha detto...

Approvo il commento su "The Ecstatic", idem quello su "True Magic". Ma "Black On Both Sides" per me resta un disco meraviglioso: urgono maggiori spiegazioni (ovvero una recensione).

BRA
www.rapmaniacz.com

reiser ha detto...

C'ho provato, non credere, ma m'annoiava...
Per recensirlo bene dev'essere una giornata in cui unicorni rosa dagli occhi grossi galoppano su arcobaleni di marzapane ed i cardi cinguettano soavi melodie

In altre parole: è troppo preso bene quel disco

Anonimo ha detto...

è un casino

Anonimo ha detto...

In realtà Mos Def tecnicamente è un cantante impeccabile. Non usa l'autotune, non usa il vocoder, emette poche note ma oneste, correttamente formulate e interpretate. Poi può piacere o non piacere, ma ci sa fare. Boogie man (da New Danger) è una canzone con tutti i crismi, roba che nessun rapper a parte Phonte (ma oggettivamente lui è più dotato della media) può vantare.

Massimiliano ha detto...

L'ho ascoltato una volta e mi ha annoiato. I beat sembrano quelli per un disco di doom, ma il risultato finale non è lo stesso.

Ero fan di mosdef e black star ecc. ma forse buona parte del merito era di Hi-Tek.

Kweli ci regala questo:

I'm down with the crew like Mussolini in Italy

yeah

reiser ha detto...

Beh lì va a voglia; pur con tutti suoi difetti, Ecstatic necessita di un po' di costanza per essere apprezzato. Non so se sia il tuo caso, ma a me il primo ascolto è -a parte il pezzo con Slick Rick ed il primo del francese- aveva fatto abbastanza orrore e solo dopo un po' mi son ricreduto

Quanto al cantare: da come l'hai messa giù tu/l'ho capita io, basta beccare du' ottave e si è a posto? E' così?
Inutile dire che questo non farebbe di te (impersonale) un cantante ma al massimo un partecipante a X Factor.

Ma a parte quello -sorvolando sul fatto che Cee-Lo volendo c'è e lotta con noi- non condivido il paragone coi rapper che son seghe. Se tu canti io ti paragono non dico a Freddie Mercury ma a chiunque abbia un minimo di talento, non a chi è stonato come una campana.
Così come, viceversa, se ti metti a rappare e sei una sega mica dico "vabeh dai, è scarso ma pur meglio di Celine Dion"

Anonimo ha detto...

No, non stavo facendo un paragone con altri rapper più scarsi di lui a cantare e no, ovviamente non basta beccare due ottave per essere a posto. Sono necessari tutta una serie di requisiti interpretativi per poter definire cantante una persona intonata. Infatti mi riferivo a "note correttamente formulate e INTERPRETATE". Mos Def ha uno stile molto personale, semplice fino ad essere scarno, ma comunque funzionalissimo a ciò che vuole fare e piacevole all'orecchio dell'ascoltatore. Non è il primo né sarà l'ultimo a cercare di esprimersi cantando senza avere l'estensione vocale di Mariah Carey. Lucio Battisti stonava spesso e volentieri, tanto che i suoi discografici non volevano che si esibisse, ma avrebbero preferito far cantare ad altri i suoi pezzi. Mary J. Blige ha imparato davvero a cantare solo dopo essersi disintossicata (ovvero nel 2002, a quasi dieci anni dal debutto), e ancora oggi i suoi background vocals sono sempre fuori chiave. Di Billie Holiday non comincio neanche a discutere, altrimenti non finisco più. Per non parlare dei tre quarti dei vocalist rock, che non sono certo alfieri del bel canto. In conclusione, chi sarebbe "chiunque abbia un minimo di talento"? E' dura deciderlo. Per quanto mi riguarda, in una scala che va da Axl Rose ad Aretha Franklin, credo proprio ci sia posto anche per Mos Def. Che tra l'altro non nasce come vocalist, ma d'altronde non credo che aspiri a diventarlo, perciò...

Antonio ha detto...

Curioso che Black on Both Sides e Black Star siano stati super-osannati all'inizio e poi ora vengano mazzulati dappertutto, invece.

A me Black Star, nonostante una certa retorica, piace parecchio (soprattutto dal punto di vista musicale) e trovo la parte piu' "dusty" di BOBS (tipo i beat di Ayatollah) irresistibile, ma tant'è. Mos non è mai stato Rakim e mai potrà esserlo.

B Boy Document (e così tutta l'estetica iniziale della Rawkus, coi beat di Sean J Period) mi faceva cagare, invece. Bisognerebbe riascoltare.